Adriatico bene comune…no alle trivelle dello SbloccaItalia

Dopo la straordinaria manifestazione NOTRIV di Lanciano del 23 maggio scorso e l’assemblea contro lo SbloccaItalia di Renzi del giorno successivo, cui hanno partecipato una nutrita delegazione dei centri sociali delle Marche, i progetti di sfruttamento del suolo e del mare che interessano anche il nostro territorio ci spingono ad un intervento immediato e allargato che vogliamo iniziare a condividere da subito, in difesa della nostra costa…..ADRIATICO BENE COMUNE

I Centri sociali delle Marche organizzano insieme allo Spazio autogestito Arvultura questo incontro il prossimo venerdì 12 giungo a Senigallia

211351424_1455826624711140_6099968369870475545_n

Il mar Adriatico è minacciato e il nemico del turismo, dell’ambiente e di flora e fauna marina si chiama trivellazioni.

Con lo “Sblocca Italia”, il Governo Renzi apre le porte alle multinazionali che vogliono fare profitti sfruttando e deturpando il nostro mare: la nuova “grande opera” è il piano/programma di ricerca di idrocarburi nell’Adriatico che prevede prospezioni sismiche con utilizzo di airgun (esplosione di bolle d’aria) e trivellazioni per l’estrazione di petrolio e gas, con conseguenti sversamenti in mare di fluidi di perforazione, rischio di incidenti, incremento di traffici marini dovuto allo sfruttamento dei pozzi.

A preoccupare sono anche i progetti di stoccaggio sotterraneo di gas che coinvolgono le Marche: tra Senigallia e Fano, a 20 km dalla costa, hanno già mirato alla cosiddetta ZONA SIBILLA, una superficie di 218,14 kmq di mare dove la società ‘Independent Gas Management s.r.l.’, ha ottenuto la licenza di esplorazione per lo stoccaggio di biossido di carbonio:

si tratterebbe di un pozzo profondo quasi quattro chilometri attraverso il quale dovrebbe passare la CO2 catturata alle emissioni industriali, liquefatta da iniettare nella terra perché ci resti ‘per sempre’.

Ma oltre alla zona Sibilla è tutta la fascia costiera dell’Adriatico in pericolo e nessuno può sentirsi escluso o indifferente a una devastazione così imponente: le aree interessate sono collocate nel Mare Adriatico centrale e Meridionale (Emilia-Romagna, Marche, Abruzzo, Molise, Puglia) ed hanno un’estensione di 14.128 Km2 e 16.169 Km2

Dobbiamo fermare questo scempio mobilitandoci per il nostro mare e per la nostra terra!

L’EVENTO FACEBOOK DELL’INCONTRO DEL 12GIUGNO A SENIGALLIA

Superman non esiste… Lex Luthor si!
I Centri Sociali delle Marche partecipano alla manifestazione “No ombrina” “No Triv” di sabato 23 maggio a Lanciano (Ch)

Flier dell’assemblea del 14 maggio scorso a Jesi

PROSPEZIONE PER RICERCA GAS E PETROLIO NELL’ADRIATICO. APPROVATI PROGETTI.

This entry was posted in Ambiente nocentrali API no rigassificatori rifiuti zero TRIVELLEZERO, CSOA Kontatto socialità autogestita CSA Marche, Falkatraz Move and tagged , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *