Presentazione di Campi Fascisti di Gino Marchitelli

Venerdì 4 settembre dalle ore 17 al Falkatraz Lab nella Galleria zona Parco Kennedy, per la nuova Rassegna “Storia Ribelle”, presentiamo la ricerca storica “Campi fascisti, una vergognia italiana”

Presenta il Professor Stefano Graziosi, insieme all’Autore Gino Marchitelli

L’iniziativa è sostenuta da ANPI Falconara

Dopo la desecretazione degli archivi del Ministero della Difesa sono venuti alla luce tutti i documenti e la verità che dimostrano la vera natura del fascismo: oppressione, violenza, persecuzione, confino, assassinio…Le infamie del regime fascista e tutte le verità sui 904 campi di internamento, prigionia, tortura e confino per colpire l’opposizione al dittatore Mussolini

Milanese, tecnico elettronico, Gino Marchitelli (San Giuliano Milanese 1959) ha lavorato sulle piattaforme petrolifere della SAIPEM per la ricerca in mare del petrolio e preso parte alle lotte dei lavoratori militando in CGIL e DP. Membro del Direttivo ANPI di San Giuliano Milanese, dove presiede l’Associazione culturale “Il Picchio”, collabora alle iniziative di “Libera”. Cantautore oltre che scrittore, è autore pluripremiato di romanzi noir di impegno sociale, di libri per bambini e di testimonianze. Per un progetto di solidarietà attiva in aiuto ai bambini terremotati di Visso e Amandola, nel 2016 ha percorso in bicicletta 1200 chilometri da San Giuliano Milanese a Carvigno (BR). Antagonista per obbligo e attivista, come scrive lui stesso, è impegnato nel campo delle energie rinnovabili. In “Campi fascisti – Una vergogna italiana” delinea la costellazione dei 904 campi per internati presenti nella nostra Penisola da Nord a Sud soffermandosi sulla descrizione particolareggiata di alcuni di essi, sulla loro gestione e sulle penose condizioni di vita dei coatti – ebrei, oppositori politici, zingari, minoranze etniche e religiose, ecc. –, d’ogni ceto ed età, alcuni dei quali destinati ai famigerati lager di Auschwitz e Bergen-Belsen.

This entry was posted in FalkatrazFestival/ANTIFA. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *