Consegnata alla Procura della Repubblica di Ancona i risultati dell’Indagine Epidemiologica sulle leucemie a Falconara Marittima

Conferenza Stampa del 13 Aprile 2013

I cittadini si sono sostituiti alla negligente Regione Marche e ai negligenti Comuni di Falconara Marittima, Chiaravalle e Montemarciano e hanno consegnato alla Procura della Repubblica di Ancona i risultati dell’Indagine Epidemiologica sulle leucemie. Nell’esposto è stata chiesta la riapertura dell’indagine già avviata nel 2001 al fine di accertare l’eventuale esistenza di responsabilità penali o meno in relazione ai rischi sanitari – leucemia, linfoma non Hodgkin e mieloma – passati e presenti a cui è stata ed è esposta la popolazione di Falconara Marittima.

Associazioni di Falconara Marittima e singoli cittadini hanno consegnato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona le conclusioni dell’INDAGINE EPIDEMIOLOGICA presso la popolazione residente a Falconara Marittima e Comuni limitrofi curata dall’Istituto Nazionale Tumori di Milano e dall’ARPA Marche nonché i risultati della Nota Epidemiologica del Giugno 2011 curata dal Servizio Epidemiologia dell’ARPA Marche.

Gli esponenti hanno chiesto alla Procura di proseguire o riaprire le indagini già avviate da lei stessa nel 2001 quando tentò di capire se e per quali motivi i cittadini di Falconara Marittima fossero più a rischio per alcune patologie tumorali e, per questo, incaricò l’ARPA Marche e l’ARPA Piemonte di eseguire l’Analisi epidemiologica geografica di Mortalità e Ricovero ospedaliero per causa su Falconara Marittima e i Comuni entro 30 km.

Esiste, oggettivamente la consequenzialità e il nesso epidemiologico e sanitario tra le Analisi del 2002 e l’Indagine consegnata dall’INT Milano il 29 Settembre 2011: secondo i cittadini e le associazioni falconaresi le conclusioni a cui sono giunti gli Epidemiologi dell’INT Milano e dell’ARPA Marche (notevole aumento del rischio LEUCEMIA in relazione alla vicinanza residenziale alla raffineria API) rappresentano la risposta o, quantomeno, chiari indizi ad alcuni quesiti sanitari posti dall’inchiesta avviata nel 2001 dalla Procura circa alcune patologie – leucemia, linfoma non Hodgkin, mieloma – che interessavano e hanno interessato la popolazione di Falconara Marittima.

Ma i cittadini e le associazioni hanno anche segnalato alla Procura della Repubblica che dalla Nota Epidemiologica del Giugno 2011 dell’ARPA Marche sembra emergere con chiarezza che per quanto riguarda le LEUCEMIE la situazione di rischio e di malattia conclamata tra la popolazione residente a Falconara Marittima non siano mutati dal 1994 al 2009!

Pertanto l’ESPOSTO ha chiesto alla Procura la riapertura dell’indagine al fine di accertare l’eventuale esistenza di responsabilità penali o meno in relazione ai rischi sanitari passati e presenti a cui è stata ed è esposta la popolazione di Falconara Marittima.

Con la consegna dell’INDAGINE e della NOTA EPIDEMIOLOGICA alla Procura della Repubblica i cittadini hanno fatto ciò che, secondo loro, doverosamente spettava alla Regione Marche e ai Sindaci dei Comuni di Falconara Marittima, Chiaravalle e Montemarciano, ma che quelle Autorità hanno scelto di non fare dall’Ottobre 2011, data di ricevimento delle conclusioni da parte dell’Istituto Nazionale Tumori di Milano.

Associazione Comitato quartiere Villanova – Falconara Marittima

Associazione Comitato quartiere Fiumesino – Falconara Marittima

L’Ondaverde ONLUS – Falconara Marittima

C.S.A. Kontatto – Falconara Marittima

Falkatraz onlus – Falconara Marittima

Medicina Democratica – Falconara Marittima

MAGGIORI INFORMAZIONI SUL SITO DEI COMITATI CITTADINI DI FALCONARA

This entry was posted in AcquaBeneComune Difesa Territorio NoTAV Quadrilatero TRIVELLEZERO, Ambiente nocentrali API no rigassificatori rifiuti zero TRIVELLEZERO, CSOA Kontatto socialità autogestita CSA Marche, Falkatraz Move, General. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *