Con i lavoratori dell’API, per Falconara

All’indomani della presentazione del piano industriale della proprietà Api e soprattutto delle prime mobilitazioni dei lavoratori contro i tagli al personale (circa del 30% dell’intera forza lavoro) e alla manutenzione e sicurezza dello stabilimento (circa 4 milioni di euro in meno rispetto al passato), avvertiamo la necessità di esprimere la nostra solidarietà alla protesta.

Di seguito alcuni stralci del comunicato (scarica il comunicato completo):

I ragazzi e i precari del Centro sociale Kontatto di Falconara, e della rete dei csa e delle Comunità Resistenti delle Marche, esprimono la loro piena vicinanza e solidarietà alla vertenza intrapresa dai lavoratori dell’API contro il piano industriale della proprietà del petrolchimico che, in nome dell’intangibilità dei profitti imprenditoriali e finanziari, intende addossare le responsabilità di anni di scelte scellerate e senza futuro sulla pelle dei lavoratori, dei cittadini, del territorio.

…Oggi ascoltiamo con rispetto la voce di speranza e di rabbia dei lavoratori della più grande industria del territorio.

E la comprendiamo bene, perchè ci parla del diritto al lavoro, al reddito, al futuro, tutte cose che noi come le nuove generazioni da qui a venire non sperimenteranno a patto che non iniziamo a svegliarci e a lottare per i propri diritti come per quelli di tutti.

Perchè è la stessa voce gridata dai lavoratori dell’INSSE sulle gru, o dai tanti anonimi dipendenti che protestano occupando i tetti delle fabbriche in tutto il Paese, o degli insegnanti delle scuole e delle università con venti anni di servizio alle spalle ma comunque precari o disoccupati a 0 euro, degli impiegati nei servizi, negli ospedali, nei trasporti che vengono dipinti come "fannulloni" e pagano per le clientele e la rapacità della la mafia della malapolitca e della corruzione, di tutti gli uomini e le donne vere che difendono i propri diritti senza andare in televisione e che quindi è come se non esistessero.

Siamo dalla vostra parte come lo siamo da tempo con i lavoratori della Merloni di Fabriano, o del distretto jesino,  o dei precari della formazione e della scuola…

La comprendiamo benissimo perchè già da tempo diciamo ai responsabili di questo inedito e pericoloso arretramento generalizzato delle condizioni di lavoro, di vita, di civiltà, che "noi la (loro) crisi non la paghiamo". La crisi causata dalle banche, dalla finanza internazionale, dalle guerre e dai terrorismi globali, dalle caste intoccabili della politica e dell’economia, non la pagherà chi lavora e produce, ieri come oggi, rinunciando ai propri diritti per salvare i conti all’estero, le azioni in borsa, le ville esotiche e i privilegi dei leaders globali e locali.

La comprendiamo perchè noi siamo i "cattivi" ragazzi dei centri sociali, i figli dei lavoratori e i nuovi precari.

Leggi anche il comunicato di solidarietà dell’Assemblea Permanente nocentraliapi

This entry was posted in Ambiente Giustizia climatica. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *