PRO-WRITERZ venerdì9 e sabato10

 

Scarica il volantino ad alta risoluzione

Pro writers…ordinanze e divieti non sopprimono la creatività della strada

Scrivere sui muri è antropologicamente la forma di comunicazione più antica, immediata e comune dalla notte dei tempi.
Nella storia si è imposta come una forma d’arte e di risignificazione alternativa dello spazio urbano sempre più disumanizzato, alienato, e desolante…
Molti dei più noti artisti contemporanei hanno cominciato partendo dai muri della città, sono stati multati, arrestati, perseguitati.
Anche chi artista non è o non desidera diventarlo non si è arreso davanti alla minaccia della repressione e del controllo.

Forse perchè entrambi le categorie giudicavano ben più insopportabile e degradante l’asettico grigiore degli spazi urbani desocializzati e privi di vita.
O forse perchè l’uso strumentale della bandiera del decoro urbano  non può farci dimenticare le speculazioni edilizie, la devastazione ambientale,
o l’assenza e la distruzione degli spazi pubblici, la precarietà abitativa, il razzismo strisciante o aperto e le piccole o grandi discriminazioni quotidiane.
Forse perchè l’arte, anche quella di strada, è comunque una forma di resistenza, di superamento dell’esistente,
attraverso un mezzo che comunica e veicola la nostra essenza oltre i limiti del tempo e degli spazi.

L’ordinanza antiwriters renderà Falconara migliore, più sicura, più vivibile? O più inospitale, grigia, conformista.
Proprio perchè riteniamo che, in una scala di priorità e di necessità, oggi la nostra città abbia bisogno di comunicare, di esprimersi, di resistere,
piuttosto che di respingere l’altro, chiudersi al diverso, proibire il dubbio, e anche il dissenso;
proprio perchè giudichiamo ben più pericoloso il razzismo, l’intolleranza sempre più pervasive e penetrate nel nostro tessuto  cittadino,
o ben più insopportabili i fumi nocivi della nostra raffineria, piuttosto che il pericolo, più evocato che reale, dei writers;
proprio per questo caratterizziamo le attività e i disegni di questa due giorni alle forme di resistenza
contro le pratiche di controllo, respingimento, razzismo che stanno imbarbarendo e deteriorando le nostre vite e le nostre città.
 

IL PROGRAMMA…


Venerdì 9 e sabato 10 le due giornate conclusive della jam

e di riapertura autunnale del centro sociale autogestito Kontatto di Falconara Marittima:

aperitivo e live painting & writing by:
PIZKA, SHORD, SKUE, HINT, GOST, SPAIDER, DOK CREW


proiezione video di "voi sparate io disegno" (info) del collettivo "Fuori le mura" (Como)

proiezioni slide di graffiti stencil e street art (no!)global: obey, bansky, pixadores…su KOTV


salone: DRUM’n’BASS NIGHT con DJ MAURO C (reggae jungle dnb)+DJ CLUSTER (dnb)+DJ DAVE (dnb milano)
sala rutz: DANCEHALL con BANGARANG & KAMIKAZE SOUND

This entry was posted in Falkatraz in Movimento. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *